Dinanzi allo specchio

Dinanzi allo specchio,

muta una donna

fissa gli istanti

di un debole passato

che tramuta i desideri in vergogna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alle spalle il vestito di porpora e amianto,

gettato sul letto disfatto.

È bastato un momento

per scegliere

il vuoto eloquente,

il vuoto che schiude orizzonti

di notti turbate,

che parla, sì parla

e ripete suoni

oltraggiosi.

Il povero gatto

Ti fissa e ti aspetta.

Non sa che non

osi toccarlo

con le mani sporche

di sesso,

con il cuore

che pesa di orrori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non l’hai scelta tu

questa vita,

ma alla gente

che importa

se un padre

ti ha venduta bambina.

Sei lì: sulla strada

e chi passa

ti chiama

puttana

 

Da: Versi di vita, Montedit editore,2000

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte delle immagini: https://www.pexels.com

0 commenti
23 Mi piace
Post precedenteNext post: Chicco e Scoglio

Articoli Associati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono!

Ciao, sono Giuseppina De Marco, Giusy per gli amici. Adoro leggere, scrivere e, soprattutto, COMUNICARE. Questo blog nasce perché... Leggi di più

Ultimi articoli
Categorie
I più popolari
Archivio
Calendario
Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930