Le ali del tempo

Lo sai bene che i gabbiani parlano,

quando il cielo d’inverno

si tinge di cenere

e il mare piange

col suo muggito di ferro.

Il vento sferzante

Traccia righe di dolore,

le sue dita di ghiaccio

solcano i segni delle rughe

scolpite dal tempo.

Vengo da te, sospinta dai ricordi e

dall’acre odore del vino.

Il fuoco proietta nell’aria scintille di rabbia.

Mani che non accarezzano,

dita che sfiorano il vuoto,

occhi di sfida e languore di sensi.

Il tempo è lontano, sulle ali spiegate.

È tanto alto il suo volo, troppo

profondo il dolore.

 

Tratta da LA VOCE DEI GABBIANI, L’ArgoLibro Editore 2018

0 commenti
4 Mi piace
Post precedenteNext post: Le cose che bruciano

Articoli Associati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono!

Ciao, sono Giuseppina De Marco, Giusy per gli amici. Adoro leggere, scrivere e, soprattutto, COMUNICARE. Questo blog nasce perché... Leggi di più

Ultimi articoli
Categorie
I più popolari
Archivio
Calendario
Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930