SAFFO

SAFFO

 

Dall’alto del baratro

il colore delle acque profonde,

lo scintillio degli scogli sporgenti.

Il grido del gabbiano

solitario e poi…

la tempesta.

Riflesso

nel mare dei pensieri

il volto di un unico amante.

Solitaria icona che si staglia

nel silenzio

di uno sguardo incantato.

Un grido:

il dolore e lo schianto.

La schiuma profonda

e gli scogli sporgenti:

il ricordo di un unico amante.

 

(tratta da Versi di vita, Montedit, 2000)

 

Fonte dell’immagine in evidenza: https://www.pexels.com

0 commenti
17 Mi piace
Post precedenteNext post: DONATO PETRICORE, racconto di Giuseppina De Marco

Articoli Associati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono!

Ciao, sono Giuseppina De Marco, Giusy per gli amici. Adoro leggere, scrivere e, soprattutto, COMUNICARE. Questo blog nasce perché... Leggi di più

Ultimi articoli
Categorie
I più popolari
Archivio
Calendario
Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930