TI AMO DAVVERO? di Carmine Toriello

MANUALE DI ISTRUZIONE IN 10 BREVI LEZIONI

 

Ho letto tutto d’un fiato e con immenso piacere il libro di Carmine Toriello, il giovane scrittore e studente universitario che, come recita la nota biografica nella quarta di copertina, “si interessa di strategie comunicative efficaci e realizza campagne di comunicazione on-line per promuovere l’amore per la cultura e il sapere”.

Il testo, agile e al contempo ricco di notevoli spunti di riflessione, ironico al momento opportuno e quanto mai schietto nell’esposizione, si snoda attraverso dieci brevi capitoli, dieci raccontinterviste (così li definisce l’autore) che ci guidano in un percorso alla scoperta e alla riscoperta del più particolare dei sentimenti.

 

 

Titolo: Ti amo davvero?

 Manuale di istruzioni in 10 brevi interrogativi

Autore: Carmine Toriello

Casa Editrice: Autopubblicazione

Anno di pubblicazione: 2020

Pagine: 35

 

 

Carmine Toriello ha raccolto diverse storie dalla viva voce dei protagonisti e le ha narrate con un’immediatezza ed una scorrevolezza tali da renderci quasi partecipi delle vicende.

Il lettore, infatti, indipendentemente dall’età anagrafica, si sente pienamente coinvolto nelle storie, ravvisando in ciascuna di esse o una sua personale esperienza o una di cui è stato testimone.

Uno sguardo, un sorriso, il primo bacio evocano emozioni, profumi e sensazioni che noi più adulti pensavamo sopite nel bagaglio dei ricordi.

Ed ecco che affiorano memorie di esperienze passate, condivisione di stati d’animo e di apprensioni per il presente e/o per il futuro.

Protagonista indiscusso l’amore, quello che non ha età e non conosce confini,

 

“nelle sue mille sfaccettature e significati,

che possono insegnarti a capire se ami davvero”.

 

Il tono, quasi sempre discorsivo ed altamente comunicativo, privo di enfasi retorica o grammaticale, talora svincolato anche dalla punteggiatura tradizionale, tiene il lettore attaccato alle pagine e gli ripropone la sfida più difficile di ogni rapporto: perdere l’io per costruire un noi.

Una perdita che, in realtà, non implica l’annientamento del singolo, ma lo arricchisce della presenza e dell’accoglienza dell’altro.

Ma – come Carmine Toriello scrive –

“nella vita nessuno potrà mai insegnarti come amare,

nessun racconto forse può farlo,

perché nessuno può dirci

cosa fare o come vivere le nostre esperienze,

ma forse e dico forse può insegnare a capire,

a capirci e vivere al massimo

quel bacio sotto la pioggia

o quella notte insonne passata

a pensare a quella persona”

 

 

Riporto di seguito il capitolo 3 dal titolo “Abitudine?”

Questa parte, a mio avviso, merita particolare attenzione anche dal punto di vista stilistico,

in quanto, l’autore, pur mantenendo la tecnica narrativa caratteristica di tutto il lavoro,

riesce a trasformare questa pagina in una vera e propria poesia e -perché no,

io suggerirei – nel testo di una canzone.

 

ABITUDINE?

Vorrei dire a te che sei…

Fastidiosa come la sveglia alle sei del mattino

Avvolgente come le coperte d’inverno

Amara come il primo caffè

Pesante come la prima sigaretta

Stronza come la prof della prima ora

Rumorosa come la campanella

Intima come un paio di cuffie e quella canzone

che mi ricorda te

Interessante come la serie TV che amo

Appariscente come le mie nuove sneakers

Super come la tennent’s

Mia come quell’accendino

Simpatica come la barista

Isterica come la mamma quando faccio le 4 dl mattino

Riflessiva come l’ultima sigaretta del giorno

Intensa come le mie ossessioni

Morbida come il letto a fine giornata

Vorrei dirti che tu fossi una mia abitudine

Vorrei che tu fossi un’abitudine,

di quelle che non puoi farne a meno,

che senza non vivi bene,

che se non c’è veramente ti senti vuoto,

perso.

Veramente…

Vorrei che fossi un’abitudine,

una di quelle che ripeti senza pensarci

a cui non dai peso,

che senza non vivi,

che se non c’è non ci sei veramente

che se c’è ti senti bene.

Non potrei vivere senza di te

senza le mie abitudini

forse a tutto questo ci penserò domani

solo quando avrai voglia di perdonarmi

e di farmi continuare a vivere

 

 

In attesa di pubblicare un’intervista a Carmine Toriello, vi invito a seguirlo sui social e a contattarlo per procuravi una copia del libro.

 

 

Fonte dell’immagine in evidenza: https://www.persefralerighe.it/ti-amo-davvero-di-carmine-toriello/

 

0 commenti
22 Mi piace
Post precedenteNext post: MADRE poesia di Giuseppina De Marco

Articoli Associati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono!

Ciao, sono Giuseppina De Marco, Giusy per gli amici. Adoro leggere, scrivere e, soprattutto, COMUNICARE. Questo blog nasce perché... Leggi di più

Ultimi articoli
Categorie
I più popolari
Archivio
Calendario
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031