LA SENSIBILITÀ FEMMINILE NELLE OPERE DI FLAVIA CARDONE

Ancora pochi giorni per ammirare i capolavori di Flavia Cardone, la pittrice agropolese che sta riscuotendo un grandissimo successo con la sua personale al castello Angioino Aragonese di Agropoli.

La mostra, inaugurata il 15 agosto, rimarrà aperta fino a fine mese.

L’artista, molto nota ed apprezzata, ha coltivato questa passione fin da piccola. Il suo percorso, infatti, ha preso avvio quando, ancora bambina, si recava nel laboratorio di carrozzeria del padre e creava i suoi primi soggetti con la vernice.

Crescendo, il suo amore per l’arte pittorica si è consolidato attraverso la realizzazione di opere ad olio, in cui i colori si fondono proprio come la vivacità e le emozioni che da esse promanano.

 

Lo scorso anno Flavia Cardone ha regalato uno splendido omaggio alla nostra città, dedicando una serie di opere alle bellezze paesaggistiche di Agropoli.

Quest’anno, invece, l’artista ha scelto di dare rilievo alla figura femminile.

Donne diverse, collocate in spazi diversi, ma accomunate, appunto, dalla grande sensibilità che contraddistingue l’universo femminile, anche quando – come la pittrice stessa sottolinea – l’insicurezza le avvolge.

Ed ecco che la forza sopraggiunge dallo stretto legame con la natura e il mare, il tramonto, ad esempio, diventano confidenti di intimi segreti, oppure semplicemente amici fidati che sanno ascoltare, senza giudicare, i palpiti di anime apparentemente fragili, ma capaci di librarsi in volo o di mettere radici, se e quando lo vogliono.

 

Gli occhi, ora spalancati e profondi, ora socchiusi e immersi nelle loro intime visioni, sembrano quasi dirci che in loro sono nascoste le risposte a tanti perché, ma le labbra, grandi e carnose, non si lasciano sfuggire nulla, perché solo a chi ha l’animo sincero e sensibile è dato conoscere questi segreti.

E quando la donna mostra le spalle, in un atto sublime di superamento delle quotidiane fatiche, indica la via da percorrere per trovare equilibrio e pace interiore.

 

 

 

 

È proprio questa la dimensione che emerge da tutte le opere esposte e anche  l’augurio rivolto a noi fruitori:

 

ESSERE SEMPRE CAPACI DI TRASMETTERE EMOZIONI AUTENTICHE

 

EMOZIONI INTERIORI

 

 

Le immagini sono pubblicate per gentile concessione dell’artista.

 

 

 

 

 

 

0 commenti
23 Mi piace
Post precedenteNext post: Martino il pescatore (incipit )

Articoli Associati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono!

Ciao, sono Giuseppina De Marco, Giusy per gli amici. Adoro leggere, scrivere e, soprattutto, COMUNICARE. Questo blog nasce perché... Leggi di più

Ultimi articoli
Categorie
I più popolari
Archivio
Calendario
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031